AZIENDA IN CRISI

La Consulting for Innovation, attraverso il suo team di professionisti specializzati, analizza la situazione aziendale e verifica l’eventuale applicazione dei principali strumenti che consentiranno di affrontare e superare le situazioni di crisi d’impresa attraverso la riduzione dei debiti bancari, verso i fornitori, fiscali e previdenziali

  • PIANO DI RISANAMENTO ATTESTATO
  • CONCORDATO PREVENTIVO
  • ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO
  • SOVRAINDEBITAMENTO

Attraverso una prima analisi gratuita verifichiamo se il cliente possa usufruire di uno degli strumenti sopra individuati con l’obiettivo di garantire la continuità aziendale e la salvaguardia dell’azienda e di posti di lavoro.

I primi 3 strumenti si rivolgono:

Alle imprese e società che superano i parametri dimensionali previsti dalla Legge Fallimentare e che si trovano di fronte a difficoltà finanziarie e gestionali che, se non vengono prontamente affrontate, possono mettere a repentaglio la continuità aziendale e, conseguentemente, il patrimonio personale di eventuali garanti.

Il Sovraindebitamento si applica:

  • Agli imprenditori indebitati (singoli o associati), purché non soggetti al fallimento (piccole imprese commerciali, “sotto soglia” rispetto ai parametri dell’art.1 della legge fallimentare e, indipendentemente dalle dimensioni, imprendtori agricoli, imprenditori commerciali cessati da oltre un anno, gli enti no profit, le start up innovative, ecc.)
  • A tutte le persone sovraindebitate, cioè a coloro che si trovano in una situazione economica critica dovuta allo squilibrio tra i pagamenti da effettuare e le entrate mensili.
  • A chi è impossibilitato a far fronte ai propri impegni pregressi, pur avendo
    un reddito, anche se minimo, o un patrimonio immobiliare.

Attraverso le procedure che mette a disposizione la legge si possono ottenere:

  • Sospensione di tutte le azioni esecutive e delle procedure di recupero intraprese nei propri confronti e divieto di inizio di nuove;
  • Sospensione di un anno del pagamento delle rate di mutui (moratoria);
  • Esdebitazione, cioè liberazione, riduzione e/o rimodulazione di tutti i debiti residui nei confronti dei creditori non soddisfatti (“NEW START DAY”);
  • Cancellazione del proprio nominativo dalla CRIF e dai sistemi di informazione finanziaria, con la possibilità di accedere nuovamente al credito.